Widow Von’Du: la star di Kansas City

Widow Von Du

State cercando una queen feroce, carismatica ed energetica? Beh, Widow Von’Du fa decisamente al caso vostro! Direttamente dalla scena drag di Kansas City, Widow arriva per illuminare il palco della dodicesima stagione di Drag Race a suon di high kicks.

Un nome che non è facile da dimenticare

Widow Von’Du, drag name di Ray Fry, nasce il 17 aprile 1989. Oggi vive a Kansas City, città di cui anima la scena notturna con le sue performance.

Una delle sue drag sister è Monique Heart, la quale ha partecipato alla decima stagione di Drag Race e alla quarta di All Stars.

Il nome Widow viene da un documentario sulle vedove nere (black widow in inglese) che la nostra queen ha visto. Si tratta di ragni velenosi, famosi per essere neri e pericolosi, quindi quale miglior drag name se non questo? Per quanto riguarda la seconda parte del nome, è un mix tra il brand di makeup kat von d ed Erykah Badu, cantautrice ed attrice americana che la nostra Widow ama!

#Fanfacts su Widow Von’Du

Widow ha fatto capoeira per cinque anni sei anni prima di iniziare a cimentarsi nel drag, ed è lì che ha imparato tutti quei salti e quelle mosse pazzesche che sfoggia sul palco quando si esibisce!

E’ entrata a far parte della scena drag ben 13 anni fa ed è proprio da 13 anni che si esibisce! Insomma, non sembra affatto un’avversaria facile da battere!

Per un anno è stata senza fissa dimora, nonostante avesse vinto il titolo di Queen di Kansas City al Kansas City Pridefest.

Infine, ha aiutato a creare la competizione ‘Drag Survivor’ all’Hamburger Mary’s di Kansas City per dare la chance di esibirsi anche a coloro che ”non corrispondono” necessariamente agli standard del drag.

Quindi, we stan una queen impegnata nelle questioni sociali, forte e competitiva. Seguite il suo percorso in Drag Race per scoprire se riuscirà a meritare la corona di America’s Next Drag Superstar!

Be the first to comment on "Widow Von’Du: la star di Kansas City"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*